A nostro padre

A nostro padre

E’ passato un anno, papà.

E noi ti abbiamo voluto ricordare in questo modo, mettendo in rete tutte le tue fatiche letterarie, creando uno spazio di confronto, dove dialogare sulla bellezza del mondo, partendo dalle tue poesie e dai tuoi scritti.
Perché se è vero che ci manca tutto di Te,  il tuo sorriso, i tuoi baci, le tue parole, le tue riflessioni, è anche vero che ci hai donato un patrimonio immenso da condividere con tutti (come avresti voluto Tu), una testimonianza unica di impegno politico, sociale, civile e  di fede cristiana.  Un eredità rara, da tutelare e divulgare, in questi tempi di squallida semplificazione.

Ecco perché nutriamo la speranza che ci siano sempre persone, a partire dai cittadini della nostra stessa terra, in grado di leggere la complessità dei temi da Te affrontati e di percepire la soave profondità dei tuoi versi.
Abbiamo voluto iniziare con un ricordo del tuo amico, prof. Luciano Nicastro, che ci sembra perfetto per incastonare nella storia più recente la tua figura di Uomo politico e di poeta.

Poi abbiamo scelto una recensione del tuo ultimo libro “Oltre la tela di ragno che m’invento”, scritta da Raffaela Fazio, una delle più brave e giovani poetesse italiane: è sua la poesia in sovrimpressione sulla tua foto, papà, e l’abbiamo scelta perché ci riporta al tuo ricordo, alla tua figura di padre e uomo unico. Un bacio
Eliana, Marina, Giovanni

Ps: un ringraziamento particolare va ad Angelo Gelo ed a Vincenzo Ammirata, senza i quali questo blog non si sarebbe potuto fare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.